Studiare alla Bocconi per poi tornare in Basilicata per seguire una passione nata da bambini: l’agricoltura. Chi lo farebbe? Fedele Cirillo, 34 anni, che, dopo aver concluso un percorso di laurea prettamente finanziario, rifiuta un’offerta di lavoro di un gruppo bancario per dedicarsi all’azienda agricola di famiglia a Nova Siri, quella che porta il cognome del nonno “Fortunato”. É la storia di una passione che non lo ha mai abbandonato e in cui forse potranno ritrovarsi molti altri ragazzi.

Continua a leggere