A Matera, in via delle Beccherie, ha aperto una gastroenoteca chiamata “Articolo 21”, per richiamare il principio di non discriminazione della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, e in cui rivive il vecchio concetto di “ciddaro” degli anni ’50: un grande tavolo centrale dove sedersi, gustare del buon vino e cibo, condividere storie di quotidianità per nutrire quella cultura degna di Matera 2019. Il locale è nato per iniziativa di Luigi Annicchiarico, sua moglie Sonia ed è stato progettato dall’architetto Tonio Acito.

Continua a leggere