Il concetto di mappa partecipata, ovvero costruita con i consigli della gente del posto, arriva a Matera grazie alla collaborazione tra l’associazione Il Vagabondo e l’organizzazione europea USE-IT. Sarà possibile visitare la città seguendo percorsi non convenzionali o fermandosi in posti poco noti ma particolarmente significativi, anche se non sono riportati su un libro di storia. Un’app, un sito web di riferimento e una mappa cartacea piena di “tips” saranno messi a disposizione gratuitamente dei viaggiatori. La corsa verso il 2019 è in corso!

Continua a leggere